giovedì 12 febbraio 2009

non credevo fosse vero, invece...


è da qualche giorno ormai che con una certa gioia nel cuore giravo come una bambina incantata e affascinata in un mondo del tutto nuovo che è quello degli atelier da sposa. Da tanto desideravo questa ricerca dell'abito perfetto.
Tutte le donne che mi circondano non hanno fatto altro che dirmi "vedrai che l'abito giusto ti troverà e non potrai non accorgertene". La mia ansia mi diceva "e se non me ne accorgo? e se nessun vestito mi provocasse quelle emozioni che tutte sembrano aver provato? e se dovessi trovare il mio vestito solo dopo aver comprato un altro vestito?". Frivolezze, sciocchezze, ma la mia vita è fatta anche di eventi leggeri come questi e ne sono felice.

Comunque, dopo tante prove, tanti sorrisi (alcuni erano davvero orribili ed è stato meglio riderci su), indecisione e tante "non so mi sembra manchi ancora qualcosa" eccolo che arriva! Ho richiesto espressamente alla commessa quel marchio, quel modello da provare per semplice curiosità.
Nello stesso istante in cui la commessa entra con quell'abito non riesco a far altro che piangere di gioia. Indossato, il primo pensiero è stato: andrà tutto bene!

3 commenti:

Mio Capitano ha detto...

Ma non ti starai mica sposando? Comunque le donne in abito da sposa sono uno spettacolo straordinario.

bluphoenix ha detto...

ma nooooo, sai avevo voglia di spendere dei soldi solo per il gusto di avere un abito da sposa nell'armadio.
:)
Un saluto Cap.

Cicabuma ha detto...

Sai dove ho acquistato il mio abito da sposa?
In un mercatino dell'usato!!! L'ho pagato 200.000 lire. Era un vestito da festa delle contadine ungheresi... almeno così mi hanno detto. Ma non mi importava poi tanto; era bello, lo sentivo mio!!!
L'ho adattato alla mia figura (ma quanto era grassa la tipa che lo indossava?), con la stoffa ricavata mi sono fatta fare le scarpe su misura (100.000 lire) e ho messo margherite nei capelli. Il mazzo di fiori che avevo in mano era di margherite di campo e fiordalisi... Spesa complessiva 300.000 lire. Mia sorella, che si è sposata insieme a me (naturalmente con un altro uomo!!!) aveva l'abito simile al mio, comprato alla stessa bancarella....
Il vestito è nella cassapanca; la gonna mi sta un po' stetta dopo due gravidanze, ma la giacca mi va ancora a pennello!!! Credo che lo tingerò di un colore più mettibile e lo riutilizzerò!!!
Amo pensare che quell'abito, che è stato testimone del giorno più incredibile della mia vita, possa essere utilizzato ancora!!!
Quando ti sposi???
Un abbraccio
Francesca