sabato 21 marzo 2009

primavera


beh, pare che anche quest'anno la primavera sia giunta a noi.

Lo scorso anno ero al caldo sole dell'Egitto, a godere della compagnia di un gruppo magnifico di persone.

Ho conosciuto la mia cara Jekka, che col suo accento livornese stimola la mia simpatia nei suoi confronti ad ogni telefonata. Il suo fratellino Federico ha una cultura immensa, pur essendo un sedicenne...nulla a che vedere con la cosidetta gioventù nullafacente della quale oggi si parla (sono fiera di lui).

Fabrizio e Cinzia sono due genitori fantastici, e saranno fieri dei loro ragazzi. Angelo continuerà di certo a fondere motori dei forni a microonde, perchè credo fermamente che Barbara da allora non avrà preso di certo lezioni di cucina... I piccoli Cesare, Leonardo (quel rosso lì credevo cadesse dalla motonave) e la graziosissima Angelica credo che ormai siano cresciuti un bel pò.

Chissà quante altre mete avrà vissuto il mio "fratellino romano" Ale che, zaino in spalla, viaggia anche da solo per, come dice lui, trovare la sua fonte (finding the source: titolo del suo vecchio blog) beh, a lui mando un saluto davvero speciale e un augurio per la sua vita.

Valeria, liceale davvero in gamba, continua a studiare e a vivere la sua vita da ragazza gioiosa ed innamorata della danza (pare che abbia trovato un fidanzatino...)

Mi mancano le nostre corse alla scoperta del mondo più affascinate, misterioso, magico che esista; mi mancano i nostri pranzi fatti quasi sempre di pollo e patate, le serate di ballo, ma soprattutto le chiacchiere fatte sul ponte della motonave fino a notte inoltrata, incuranti del fatto che il giorno dopo la sveglia suonava di nuovo alle 6.

Ricordo tutti con gioia e mando loro un saluto ed un abbraccio virtuale.

6 commenti:

Anonimo ha detto...

Fatece largo che passamo noi,
'sti giovanotti de sta Roma bella,
semo ragazzi fatti cor pennello,
che le ragazze famo innamorà....

bluphoenix ha detto...

...(senza parole,solo sorrisi)....

Anonimo ha detto...

allora tu che viaggi zaino in spalla dammi un consiglio, perché sono anni che penso di mollare tutto e partire da solo ma non ho il coraggio.. come ci si sente da soli, lontani da tutto? hai fatto anche viaggi con un gruppo o anche senza? claudio

bluphoenix ha detto...

ciao Claudio, mi spiace ma non sono io la persona che viaggia zaino in spalle...magari!
piacerebbe molto anche a me, e per questo ho mandato un saluto speciale ad un ragazzo 23enne che lo fa continuamente, un pò lo invidio.
Comunque posso dirti ciò che mi disse lui quando gli posi le tue stesse domande.
Per quanto riguarda il fatto di stare da solo, lui mi ha detto che non sempre è facile e per questo portava con se un ipod da 80 giga nel quale aveva davvero di tutto: musica, film e concerti preferiti per sopperire alle molte ore di solitudine inevitabili. Inoltre mi ha comunque sottolineato che se si vuole fare conoscenza e stare in compagnia la lingua non è sempre un ostacolo insormontabile anzi...
Alla seconda domanda ti rispondo si, perchè il viaggio nel quale l'ho conosciuto era proprio un viaggio oraganizzato perchè in Egitto è davvero impossibile viaggiare soli, senza un programma di viaggio specifico ed organizzato. Posso assicurarti che per me è stata un'esperienza fantastica, e credo di poter affermare con un certo margine di sicurezza che quella vacanza sia stata bella anche per uno come lui...zaino in spalle.
Fammi sapere se poi decidi di farlo sto viaggio, non si sa mai....

Anonimo ha detto...

ciao! avevo letto il tuo post prima di lasciare il commento e avevo capito che non eri tu l'avventuriera in questione.. nel post parli di questo "fratellino romano" che "zaino in spalla, viaggia anche da solo". ho notato poi che un anonimo (credo romano) ha commentato il tuo post citando uno stornello tipicamente romano, e ho pensato che fosse lui, quindi le mie domande erano rivolte all'anonimo, forse romano e forse viaggiatore solitario. grazie per le tue info comunque..
ah, che tu sappia lui aveva una ragazza? perché la mia non so quanto la prenderebbe bene, e questo potrebbe essere un'ulteriore ostacolo ;) claudio

bluphoenix ha detto...

ciao Claudio, scusa il fraintendimento. Non so se quest'anonimo sia lui...comunque rispondo io anche a questa tua domanda. Si, il mio "fratellino romano" aveva (e credo abbia ancora) una ragazza e anch'io mi sono incuriosita del fatto che viaggiasse da solo senza di lei. Mi disse che aveva bisogno di fare questi viaggi da solo e credo che la sua ragazza alla fine abbia capito questa sua necessità ed abbia deciso di lasciarlo andare comunque(in fondo se sai che una persona che ami ha bisogno di fare una determinata cosa lasci che la faccia o...lasci perdere la storia. Non c'è una grande scelta, o è si o è no)
Posso dirti che questo ragazzo una settimana prima di venire in Egitto era stato ad Amsterdam e che era stato anche in Brasile (qui sono certa che fose andato proprio solo).
Spero di esserti stata d'aiuto. Voglio inoltre darti il benvenuto nel mio blog, anche se un pò in ritardo, e spero che torni spesso a farmi compagnia.
All'anonimo dico lo stesso: benvenuto e spero che tu decida di tornare.