martedì 21 aprile 2009

impossibile


fino alla settimana scorsa rompevi il c***o con i tuoi discorsi filosofici.Avevi sempre sorrisi sinceri che spesso irritavano (non si può essere sempre sorridenti).

Amici della nostra "banda 23" da sempre e comunque conosciuto dalla maggior parte di noi coetanei.
Tutte le volte che Raffaele ti diceva "sto venendo a prenderti" poi aspettavi almeno 20 minuti sotto casa che passasse con la macchina scassata e ogni volta gli dicevi "la prossima volta ti faccio aspettare io", ma poi non lo facevi mai. In prima fila contro la costruzione della discarica fino a quando i "magnoni" se ne sono andati coi soldi, ma tu sempre a dire "io ci credevo, perchè non lottare in quello che credevo? non sono pentito di averlo fatto". Le serate passate con tutti a bere, ballare e "pariare alla grande"per poi svegliarsi come dei coglioni ed andare all'università.

L'ultima volta che siamo stati tutti al cimitero fu per uno scherzo, il 31 ottobre di una decina di anni fa. Che cazzata! Ricordi le risate? Stasera, tutti di nuovo insieme per piangere te. Antonio è tornato in aereo, Luigi di corsa da Siena, Vincenzo era qui distrutto come tutti. Andrea, Francesco, Raffaele, Angelo, Emanuele, Marianna, Cira, Vale,Peppe insomma tutti. Tutti riuniti come per la rimpatriata che stavi organizzando, tutti per piangere un amico rompipalle che non è mai stato ipocrita o falso con nessuno di noi.
Morire a 27 anni per un infarto all'ora di cena davanti ai tuoi genitori non era proprio la fine che meritavi....
Ci mancherai, ma tanto
Arrivederci scemo.....

domenica 19 aprile 2009

shopping e pensieri


Oggi ho fatto una bella passeggiata in via duomo a Napoli, strada nella quale, per chi conosce la città, si trovano molti negozi dedicati alle spose. Anch'io ho girovagato con il classico pezzettino di stoffa che mi serviva a non comprare le scarpe del colore sbagliato. Beh, mi è andata bene. Ho trovato le scarpe che cercavo ad un prezzo molto ragionevole (il rapporto qualità prezzo è molto difficile da trovare quando si tratta di articoli di questo genere).

E' stato molto piacevole girare in compagnia di mia cognata, entrare ed uscire dai negozi, trovando di volta in volta la battuta giusta che descriveva il comportamento, il carattere o i prodotti dell'esercizio visitato.

Alla fine, grazie al prezzo vantaggioso delle scarpe, mi sono concessa il lusso (e in questo periodo è davvero tale, giuro) di comprare un altro paio di scarpe, che stimolavano la mia gioia, molto più di quelle da sposa che indosserò solo per una giornata.

Questa sera, prima di uscire, mi sono piazzata davanti all'armadio in cerca di un abbinamento carino che mi permettesse di indossare subito il "nuovo acquisto" (non fa proprio per me comprare e conservare, anche solo per pochi giorni).

Ciò che è strano, anche se in qualche modo mi sono rassegnata al fatto che mi capita di quando in quando, è che mi sono ritrovata a pensare che quelle scarpe sarebbero state perfette qualche tempo fa, mi avrebbe fatto piacere indossarle con quella gonna, con quella camicetta solo per essere apprezzata da un paio d'occhi in particolare.

Avrei voluto portare con me più cose, voluto più tempo di poter cambiare abiti, più occasioni di mostrarmi al meglio....

boh...

lunedì 6 aprile 2009

non riesco a concentrarmi

tutto mi ruota intorno attirando la mia attenzione, ma troppe voci mi chiamano, troppi impegni si accavallano e non riesco ad essere concentrata abbastanza...

mercoledì 1 aprile 2009

credo che questa possa andare, si!

Des paroles de douceur,
Des moments de bonheur.
Des regards échangés,
Un zeste de complicité.
Des étoiles dans les yeux,
La joie d'être deux.
Main dans la main,
Suivre le même chemin.
Des rêves plein le coeur,
Que du plaisir, aucune rancoeur.
Aimer et oublier
Les blessures du passé.
Juste la magie de l'amour,
Une belle vie pour toujours.

Julie Jamar
testo scelto per le partecipazioni di nozze (credo che la tradurrò in italiano)